Ad Aprile 2017 potremo vedere la cometa dalla coda verde: ecco in che modo

 

La cometa dalla coda verde è conosciuta per essere quella che presenta un periodo più corto rispetto le altre. La prima volta, venne resa nota nel 1786 dall’astronomo Méchain, ma in seguito, precisamente nel 1819 venne nominata con il nome di un famoso astronomo di origini tedesche che dopo tre anni ne aveva previsto il ritorno. In realtà è la seconda cometa che è stata individuata dagli astronomi successivamente alla cometa di Halley. Infatti, gli studi hanno dimostrato che con precisione dopo 3 anni 3 mesi e circa 17 giorni essa si ripresenta avvicinandosi al Sole. Ed è proprio durante la fase di avvicinamento che si manifesta una colorazione verde che man mano aumenta e diventa sempre più brillante. In seguito, dopo il superamento dell’orbita interessata da Venere, dal nucleo di questa stella cometa comincia a manifestarsi una coda di gas molto leggera e si ingrandisce man mano che la cometa tende ad avvicinarsi al pianeta del Sole. Di solito la cometa raggiunge il perielio in una data ben precisa: il 10 marzo, ovvio che però in quella data la cometa è molto vicino al pianeta del Sole e quindi difficilmente verrà individuata. Mediante un binocolo sarà possibile visionarla nel periodo che va intorno ai primi giorni di marzo durante la fase del crepuscolo serale.

Caratteristica di questa cometa

In realtà la caratteristica principale di questa cometa è data dal fatto che presenta un colore verde dovuto al calore che tende a vaporizzare le molecole di carbonio. A partire dal 1950 ad oggi pare che le comete che si siano avvicinate al nostro pianeta, secondo vari studioso son ben otto!
45P/Honda-Mrkos-Pajdušáková purtroppo è una cometa dalle dimensioni molto ridotte, ma si potrà visionare ad occhio nudo o a prima mattina o nelle ultime ore prima che scende definitivamente il buio. Non sarà l’unico spettacolo celeste a cui si potrà assistere in questo periodo, infatti sarà visibile anche un’eclissi penombrale da parte della luna. Trattasi di uno spettacolo celeste che vedrà la luna passare proprio nella penombra della Terra.

Spettacolo della Luna

Questa tipologia di fenomeno sarà visibile sia dall’ Europa che dall’Italia stessa generando una diminuzione della luce sul satellite su cui viviamo. Questa eclissi si renderà visibile il 10 aprile precisamente alle ore 23.34, tempo permettendo quando la Luna garantirà uno spettacolo vero e proprio d penombra. Il massimo di questa eclissi sarà visibile alle ore 01.43 del giorno seguente e si concluderà del tutto alle 03.53. A quanto pare l’anno corrente ci regalerà molti spettacoli a livello celeste, in particolar modo la maggior parte si verificheranno nel mese di febbraio, quando oltre allo spettacolo regalatoci da parte della cometa verde che passerà a pochi km dal nostro pianeta, si manifesteranno altri movimento particolari che vedranno come protagonisti anche la Luna e il Sole, in uno spettacolo che gli studiosi stessi l’hanno definito come una vera e propria forma di nascondino tra i pianeti del nostro sistema solare. E allora non ci resta che attendere per poter rivolgere lo sguardo al cielo e assistere a questi spettacoli celesti del tutto nuovi.